Archivio della Categoria 'Sismografi'

Sismografo, i vecchi commenti

Venerdì 11 Maggio 2007

gianluca @ www.atleticoconversano.it
2007-05-15 11:18

Ma SISMOWIN va bene per il sismografo della Nuova Elettronica?
Grazie

Alibrando
2007-05-14 14:11

Come consigliato da Mauro il migliore software per la gestione de sismografo è SISMOWIN, i particolari in questi commenti.

Alibrando
2007-05-14 14:09

Si la meccanica difetta notevolmente ma poi bene o male funziona, comunque io sto ancora cercando di trovare il tempo per istallare il sismografo che costruisce Mauro, (vedi commenti in questo post) ma ancora non riesco.
Per i software basta un client che ti posta dal tuo HD direttamente in FTP le immagini in formato JPG, in internet se ne trovano molti.

gianluca @ www.atleticoconversano.it
2007-05-14 10:40

Ciao sono ancora io.
Avete ragione: quanto sforzo ho fatto per assemplare la parte meccanica del pendolo, soprattutto ad inserire il bastoncino in ferrite (tra l’altro storto) dentro i fori attraverso le bobine.

gianluca @ www.atleticoconversano.it
2007-05-14 10:30

Ciao a tutti,
anche io ho comprato il sismografo della Nuova Elettronica.
Cosa mi proponete, di meglio come software,per la gestione dei sismogrammi?
Grazie

Alberto @ digilander.libero.it/linosa.web
2007-02-20 19:46

Ciao Mauro,
quindi un sismometro verticale…sarebbe quindi un geofono da 4,5 Hz (GS-11D) o è un altra cosa?
Ho già chiesto il listino e il prezzo del geofono è interessante.
Eccessivo invece il costo del SADC20…non alla portata di un hobbista…e in più da abbinare anche preamplificatore, filtro e ricevore DCF77 ??
Se è possibile avere delucidazioni direttamente su questo blog ok, diversamente ci possiamo sentire in pvt via email.
Grazie,
Alberto

Alibrando
2007-02-19 23:55

Grazie Mauro
sempre preciso ed esauriente.
Alberto io ti consiglio di chedere un preventivo a Mauro che puoi contattare al seguente indirizzo E.Mail:

info@sara.pg.it

Comunque capisco il budget che per chi, come moi, è appassionato di questo settore anche il poco è sempre tanto.

Saluti

Mauro @ www.infoeq.it
2007-02-19 23:46

ADDENDUM
la rete INGV monitorizza TUTTI i terremoti o almeno tutti quelli che la sua rete capta, che siano di magnitudo 5.0 o 4.0 o 2.0 o anche 1.0 o addirittura meno… ovvio che più la rete è capillare + terremoti si riesce a monitorare. Per monitorare un’area “locale” (se non si dispone 3 assi di rilevamento, è sempre da preferire il sismometro verticale.
(Quelli di NE sono orizzontali.)

Mauro @ www.infoeq.it
2007-02-19 23:43

Salve,
per i terremoti in un raggio da 0 a 150 km vanno benissimo i geofoni da 4.5Hz specie se posizionati su roccia e lontano da fonti di disturbo (ma che + o - si riescono a filtrare).
Cancella
Alibrando
2007-02-19 23:24
2007-02-19 22:20
Ciao Alberto
quello di nuova elettronica non ti permette di aggiungere altri assi mentre il sismografo di Mauro permette fino a tre assi standard ma aspettiamo una sua risposta che non dovrebbe tardare.

Ciao

Alberto @ digilander.libero.it/linosa.web
2007-02-19 21:41

Ti ringrazio.
Non mi è infatti ancora chiaro se i sismi locali con magnitudo inferiore a 3 vengono monitorati dalla rete ingv… Mi è sembrato infatti alcune volte di avvertire (tramite il rumore di alcune bottiglie poste su di uno scaffale) dei movimenti poi però non registrati sul sito del ingv.
Sarebbe quindi interessante monitorare i microsismi locali ma non mi è ancora chiaro se ho bignogno di un geofono o di un sismografo a corto periodo tipo quello nuovo di nuova elettronica.
Leggendo mi è sembrato di capire che il primo trasduttore dovrebbe essere uno verticale, per poi in futuro aggiungere gli altri assi.
Ovviamente il tutto è autofinanziato e quindi il budget non è altissimo…

Alberto

Alibrando
2007-02-19 11:10
2007-02-19 10:00
Ciao Alberto
adesso giro il tutto a Mauro che oltre a essere un produttore di sismografi, è anche il personaggio più informato e sono sicuro saprà darti tutte le notizie di cui hai bisogno.
Cancella
Alberto @ digilandel.libero.it/linosa.web
2007-02-18 22:58
Salve,
che tipo di trasduttore mi consigliate per monitorare i sismi locali (max 100 km) ?
Vorrei monitorare i sismi che avvengono nel mare attorno alla mia isola, Linosa, avendo l’Africa molto vicina che spinge…

Alberto

Mauro @ www.infoeq.it
2006-12-22 20:16

Salve a tutti,
dietro gentile richiesta di Alibrando vengo a esprimere qualche considerazione (fra l’altro già presente nelle mie pagine sul web). I sismografi di Nuova Elettronica (almeno concettualmente) sono degli ottimi sensori, purtroppo richiedono una abilità tecnica non indifferente per l’assemblaggio e la messa a punto.
Occorre però fare una premessa su una loro caratteristica che spesso viene fraintesa. Il primo progetto (LX922) era un sismometro a braccio orizzontale la cui sospensione è spesso chiamata anche Lehman o GardenGate esso è un ottimo sensore (a mio parere migliore del successivo) ma richiede un certo spazio per il suo utilizzo. Il secondo progetto (LX1358) è spesso chiamato “verticale” ma di verticale ha solo lo sviluppo meccanico in quanto rimane solo un sensore a sensibilità orizzontale (sul piano orizzontale infatti giacciono le ferriti e i nuceli dello stadio sensore). Detto questo occorre dire basilarmente due cose:
1) per ambedue i progetti occorre particolare cura nell’assemblaggio delle cerniere e assicurarsi che il braccio sia privo di ogni frizione.
2) entrambi i progetti richiedono un’accurata “calibrazione” dell’olio di smorzamento.
Ho montato diversi di questi sensori e ne ho visti montare diversi; posso dire che danno dei risultati ottimi ma questi due fattori (cerniere e damping (smorzamento) sono quelli che ho visto trascurare più di ogni altra cosa e invece sono quelli più importanti.

Ulteriore aspetto è la registrazione dei sismogrammi, se avviene su carta, bé non si può fare un gran che, su carta è e su carta rimane.
Se si opta per il registratore digitale, va bene anche l’interfaccia LX1500 ma usate SEISMOWIN perché è l’unico programma dispobibile che registra i dati in modo vettoriale e non statico. Sismogest, nelle versioni che ho visto si registra in modo statico, vengono salvate delle GIF o immagini grafiche del terremoto non il suo “campionamento”. La differenza che c’è fra Seismowin e Seismogest è come quella che c’è fra un programma di disegno grafico vettoriale (come Autocad) e uno di grafica pittorica (come PhotoPaint).
A Seismowin occorre abbinare un programma di visualizzazione, Seismowin è compatibile con WinQuake programma scaricabile da www.seismicnet.com è uno shareware con costo di registrazione di 30$ (ne vale molti di più) e gratuito per le scuole.
Seismowin è freeware.
Ora devo salutarvi ma prometto che terrò d’occhio il blog e interverrò volentieri.
Cordiali saluti a tutti
Mauro

Alibrando
2006-12-22 17:51

Ciao Paolo
intanto grazie del tuo intervento e vediamo come specificare alcune cose.
Teoricamente un sismogravo con un buon pendolo verticale come sensore è in grado di rilevare sismi a migliaia di Km di distanza ma deve essere abbastanza isolato da fattori di disturbo quali il traffico cittadino e o fabbriche nelle strette vicinanze, il sismografo ne è buono, abbastanza sensibile e il rapporto qualità prezzo alto ma i sismografi della ditta Sara che poi fa capo al Sig. Mariotti sono sicuramente migliori. Purtoppo non ho ancora avuto la possibilità di conoscere il Sig. Mariotti ma da quello che scrive e fino dalle prime modifiche apportate ai primi sismografi ne, ho capito che è una persona che conosce quello che tratta e i software utilizzati per tracciare sono sicuramente superiori. Non so se sono stato esauriente ma adesso confido in un contatto diretto del Sig: Mariotti.
Nell’attesa Buone Feste
Alibrando

Paolo
2006-12-22 15:33

Ciao, sono Paolo ed anche io alle prime armi.
Nel sito di ne, si afferma che è possibile rilevare terremoti di tutto il mondo.
Come è possibile? non deve essere in rete il sismografo?
Che differenza c’è con i sismografi proposti dalla ditta SARA del dott. Mariotti?
Ho fatto fare un preventivo, ed un modello di base (modulare) costa circa 500 €. Le differenze?

Alibrando
2006-11-19 13:10

Ciao Emiliano
Il sismografo di Nuova Elettronica costa intorno ai 250 euro, premontato. Lo puoi ordinare direttamente a N.E. e questi sono i dati:
Heltron Via dell’ Industria 4 - 40026 Imola (Bologna)
Tel. 0039 0542 641490 - Segreteria telefonica 24 ore al giorno. Tutti i giorni dalle 10 alle 12 ci sara una
segretaria pronta a risolvere i Vostri problemi
Fax 0039 0542 641919

Per rispondere al successivo quesito il sismografo in questione non fa tracciamento su carta (credo sia terminata in magazzino la stampante ma potrei sbagliarmi) il tracciamento avviene su pc a mezzo di un software che ti danno assieme al kit ma per questo io ho alcune perplessità. Comunque si trova altro software che descriverò appena torno dall’estero ovvero dopo il 30 novembre.
Alibrando

emiliano
2006-11-18 20:23

Salve sono un appassionato di sismologia, ma ancora alle prime armi.
Volevo sapere, intanto quanto costa un sismografo come quello di N.E. e dove posso eventualmente trovarlo, e secondariamente, come avviene il tracciamento del fenomeno tellurico, su carta o sul PC?
fatemi sapere.
Codialmete
Emiliano

Sismografo di Nuova Elettronica

Lunedì 28 Agosto 2006

Eccoci alle prese con il sismografo di Nuove Elettronica. Il primo impatto è normale, si controllano le parti e si comincia l’assemblaggio.

contenitopre

Sorgono subito dei problemi, i fori non hanno una precisa corrispondenza con le parti da assemblare, devono essere malamente forzati, la base ha una filettatura imprecisa e deve essere ripassata con il maschi di 10 MA (le filettature del livellaggio del contenitore), i pomelli cromati con impugnatura adatta alle dita sono stati sostituiti da normalissimi bulloni di 10 in acciaio con base pari e non a punta, ancora: la chiusura posteriore sovrasta la testa del attacco del pendolo e la testa deve essere inserita a forza (questo crea un problema non indifferente quando si aggancia il pendolo). Conclusioni: la meccaica è scadente e non curata (non vogliamo dare la colpa a Nuova Elettronica ma sicuramente dovrebbero esserci dei controlli dal personale sul materiale costruito da aziende fornitrici e chi deve cablare questo pendolo si troverà sicuramente in difficoltà.

particolare

Il pendolo si cabla abbastanza bene anche se molte parti sono state sostituite rispetto a quanto scritto sulla rivista.

pendolo

L’elettronica (preso un kit cablato) non presenta problemi anche se il cavetto, che va dalla scheda di base allo strumentino in alto di livello, è corto (non arriva devo mettere nuovo cavetto).

elettronica

Adesso mi chiedo: a Nuova Elettronica non interessa più vendere il sismografo?
Poi parleremo del sofware per la messa in rete in tempo reale dei grafici sismici.
Credo che completerò il montaggio nei prossimi giorni ma prevedo un lavoro non indifferente per quello che si presentava come un assemblaggio facile
e veloce.

Alibrando Morgantini